Home Page Il Comune Arte e Storia Ultime notizie Manifestazioni Albo Pretorio Contatti

Sposarsi a Sermoneta

Ultimo aggiornamento: 7 luglio 2015

(Le immagini sono solo a titolo esemplificativo: l’addobbo è a carico degli sposi)

Sermoneta è uno dei borghi medievali meglio conservati del Lazio meridionale ed è spesso meta di giovani coppie da tutta la Regione che qui decidono di sposarsi, complice la bellezza del posto e la presenza di suggestivi scenari.

L’Amministrazione comunale ha deciso di ampliare le location a disposizione delle coppie che intendano sposarsi a Sermoneta.

Fino ad ora il Comune offriva la possibilità di organizzare la cerimonia sia nell’Aula Consiliare, con la sua particolare volta a botte e a cui si accede tramite il Belvedere, sia presso la Loggia dei Mercanti, uno degli scorci più belli del paese, proprio lì dove Massimo Troisi si affacciava nel celebre film “Non ci resta che piangere”, girato a Sermoneta nel 1984.

Il nuovo regolamento invece include, oltre a Loggia e Aula Consiliare, anche il meraviglioso belvedere, con l’affaccio sulla pianura pontina e la scalinata come sfondo (quella che Franco Zeffirelli definì nel 1969 la “piccola Trinità dei Monti”), teatro di numerose pellicole cinematografiche, e il giardino degli Aranci, il polmone verde del centro storico restituito alla collettività nel 2012 dopo 50 anni di oblio, che offre un meraviglioso anfiteatro che si affaccia sulla vista del Castello Caetani. Il giardino degli aranci è stato ricavato dall’area dell’ex “Pomerio”, la zona della città che doveva necessariamente essere sgombera per permettere l’assembramento delle truppe in caso di guerra.

Se il matrimonio viene celebrato durante gli orari d’ufficio (dalle ore 9 alle ore 12 dal lunedì al venerdì e dalle ore 16 alle ore 18 il martedì e il giovedì) ed uno dei due sposi è residente nel Comune di Sermoneta, la cerimonia è a titolo gratuito.

In tutti gli altri casi, ci saranno prezzi diversificati a seconda della location e del giorno prescelto per sposarsi (LEGGI LE TARIFFE)
Ci si potrà anche sposare presso il Centro Civico di Monticchio, qualora uno dei due sposi abbia una invalidità certificata che non permette di raggiungere i primi due siti.
Agli sposi sarà consentito di addobbare a proprie cure e spese il locale dove sarà celebrato il matrimonio con composizioni floreali ed ulteriori arredi e addobbi che, al termine della cerimonia dovranno essere rimossi.

Per informazioni: 0773/30262
Scarica il modulo di richiesta per la celebrazione di matrimoni civili
vedi anche: Regolamento comunale per la celebrazione di matrimoni civili