Home Page Il Comune Arte e Storia Ultime notizie Manifestazioni Albo Pretorio Contatti

Cosa visitare

Ultimo aggiornamento: 26 marzo 2010
castelloCASTELLO CAETANI
Il Castello Caetani si erge maestoso sul paese di Sermoneta dominando l’intera Pianura Pontina. Costruito agli inizi del 1200 dagli Annibaldi, si arricchì nel tempo di opere di difesa che dovevano renderlo quasi inespugnabile. 
Conobbe assalti e guerre, ospiti famosi (Federico III nel 1452, Carlo V nel 1536, Lucrezia Borgia che ne fu “padrona” quando Papa Alessandro VI Borgia espropriò i Caetani) e momenti di pace festosa.
>>continua
ninfa2gGIARDINI E ROVINE DI NINFA
Ninfa “Pompei del Medioevo”. Il tempo l’ha congelata seicento anni fa, ma oggi rivive nello splendido giardino ricco di essenze d’ogni luogo, nei ruderi delle chiese, di edifici privati e del castello, nel fiume trasparente e nel romantico laghetto. 
Ninfa oggi è il ricordo di una piccola ma florida città medievale, la cui vicenda si consumò nel volgere di circa 600 anni, tra la fine dell’VIII e la fine del XIV secolo; ed è una fantasmagoria di verde, fiori, alberi, cespugli, piante di ogni tipo, acqua, ricreata da un genius loci agli inizi di questi anni Venti.
>>continua
valvi1gABBAZIA DI VALVISCIOLO
L’Abbazia di Valvisciolo è situata nel territorio di Sermoneta ai piedi del Monte Corvino, a meno di 100 metri sul livello del mare; i monti la proteggono dai venti del nord; dall’ampio piazzale lo sguardo si spinge verso la pianura pontina fino al mare. E’ dedicata al protomartire Santo Stefano. La Storia di questo monastero è complessa. Anche il nome nasconde una parte di mistero. Valvisciolo può significare Valle dell’Usignolo (vallis lusciniae) o Valle delle Visciole (una varietà di ciliegie selvatiche).
>>continua
smariagCATTEDRALE DI SANTA MARIA
Sorta nel XII secolo, si dice sulle rovine di un tempio dedicato alla dea Cibele, la cattedrale fu costruita a pianta basilicale con forme romaniche ed intitolata a Santa Maria Assunta. Nel XIII secolo assunse quell’aspetto gotico che ancora oggi possiamo riconoscere, probabilmente grazie agli interventi degli architetti monaci cistercensi di Fossanova. La chiesa si presenta all’esterno con il campanile, poderoso e solenne, che sporge sull’angolo sinistro della fronte ed è anch’esso legato all’architettura romanica.
>>continua
sgiuseppegCHIESA DI SAN GIUSEPPE
Si trova all’ingresso del paese ed è dedicata a San Giuseppe, patrono di Sermoneta. Risale al 1520 ma soltanto nel 1733 venne terminata la bella facciata con la ripida gradinata.
>>continua
smichelegCHIESA DI SAN MICHELE ARCANGELO
La costruzione della chiesa, stretta tra le case, risale alla seconda metà del XII secolo. Un piccolo portico immette nella navata centrale, affiancata dalle laterali.
>>continua
sermogCHIESA ED EX CONVENTO DI SAN FRANCESCO
San Francesco si trova a meno di un chilometro dal paese con il quale è collegato per mezzo della via San Francesco.
>>continua
loggiagLOGGIA DEI MERCANTI
La Loggia dei Mercanti venne costruita nel 1446 per ordine di Onorato Caetani per essere adibita a sede del Comune, degli affari e delle assemblee popolari.
>>continua
sermogLA SINAGOGA EBRAICA
Rappresenta la testimonianza più importante della presenza ebraica a Sermoneta.
>>continua
bastioniPERCORSO MUSEALE DELLE MURA URBANE
Negli ultimi anni, grazie ai finanziamenti della Comunità Europea e della Regione Lazio e ad un ingente lavoro da parte dell’Amministrazione Comunale, sono state ristrutturate le mura rinascimentali del Centro Storico di Sermoneta ed è stato creato un percorso museale lungo le stesse mura che cingono interamente il paese. 
La cinta muraria fu commissionata da Onorato III Caetani nel 1448 e fu terminata da Francesco Caetani nella prima metà del 1600 per ordine di Urbano VIII.
>>continua
sermogL’ANTICA VIA CONSOLARE ROMANA E “PAPALE” DEL MEDIOEVO
La Via Consolare ha origini ancora più antiche in quanto realizzata nel suo originario tracciato delle popolazioni Volsche prima della Fondazione di Roma. Collegava Roma a Napoli, con un percorso ai piedi delle colline, superando così la Palude Pontina che per secoli ha impedito il passaggio sulla Via Consolare Appia.
>>continua